Massiccio di Cima Tosa; Angolo delle Streghe - Via Specchio Magico

Circa 200 m di sviluppo, VII. Esposizione: ovest.

Probabilmente alla maggior parte delle persone che sono state in Val d'Ambiez, sarà sfuggita questa piccola e apparentemente insignificante paretina, alta all'incirca 200 metri. Eppure su di essa si può vivere una bella avventura. Elio Orlandi e Livio Rigotti hanno tracciato una linea elegante e ardua, che si snoda in un mare di strapiombi gialli. Usando solo chiodi e protezioni naturali, hanno risolto il problema di questa parete, dato che la loro via è la prima ed anche l'unica che passa sulla porzione gialla. . 

Via ripetuta con Ida Parisi il 15/06/2018, scalando tutti i tiri in libera. Avvicinamento da Baesa senza la Jeep, sfruttando il bivacco invernale del Rif. Agostini per dormire. Ancora tanta neve, a partire già dal rifugio. Abbiamo seguito la relazione originale degli apritori, presente sia sul sito del Rif. Agostini che sulla guida Dolomiti di Brenta vol. 1 - Val d'Ambiéz, trovandola ben fatta e precisa, tranne sulla lunghezza del primo tiro, dato di 45 metri, quando invece sono 60.

Via poco ripetuta, lungo i tiri si trovano soltanto i chiodi lasciati dagli apritori, dunque portarsene dietro qualcuno, oltre all'immancabile serie di friend, possibilmente Totem, decisamente più funzionali su questo terreno. La roccia non è per niente male, molto più bella e compatta di quanto si trova solitamente sui gialli in Dolomiti, ma pur sempre di gialli si tratta ... Via abbastanza ingaggiosa, con tratti obbligati di VI+ esposti e lontani dalle protezioni. In partenza dal terzo tiro, per raggiungere il primo chiodo, bisogna fare proprio un passaggio di VI+ su roccia compattissima e assolutamente non proteggibile. La sosta non è ne delle più solide e ne rinforzabile, sono solo pochi metri, ma attenzione, assolutamente vietato sbagliare! Una soluzione potrebbe essere quella di unire il tiro al precedente, avendo cura di gestire con abilità le mezze corde e le protezioni per ridurre il più possibile gli inevitabili attriti. 

Quasi sotto la parete
Quasi sotto la parete
Primo tiro
Primo tiro
Secondo tiro
Secondo tiro
Terzo tiro
Terzo tiro
Quarto tiro, quello chiave
Quarto tiro, quello chiave
Quinto tiro, ben proteggibile e più facile, finalmente un po di relax
Quinto tiro, ben proteggibile e più facile, finalmente un po di relax
Terminata la via, saliamo in cima all'Antro delle Streghe.
Terminata la via, saliamo in cima all'Antro delle Streghe.
In vetta. Che ambiente!
In vetta. Che ambiente!
Discesa
Discesa