Concatenamento cime da S. Lorenzo in Banale.

Cima Soran 2397 m
Cima dei Rossati 2441 m
Doss d'Arnal 2340 m
Cima Ghez 2713 m
Forcella del Bregain 1830 m

21 km 2700 m di dislivello circa; OSA.


Giro ad anello che permette di concatenare tutte le principali cime nei pressi di San Lorenzo in Banale con accesso dal Rifugio Alpenrose. Itinerario molto bello e panoramico, in particolare la salita al Ghez dalla cresta sud, combinata con la ripida variante di discesa - di seguito descritta - regalano un mix di alpinismo e curve da soddisfare anche i palati più esigenti.
Riservato a chi conosce bene la zona, non solo per muoversi con la certezza di condizioni buone, ma in particolare da Malga Ben risulta difficile trovare l'accesso per il sentiero verso la Forcella del Bregain, il cavo metallico inoltre rimane quasi del tutto coperto dalla neve. E li, fidatevi, non è concesso sbagliare. Eventualmente una valida e semplice soluzione sarebbe quella di scendere tutta la Val d'Ambiez fino a Baesa (organizzarsi con una seconda macchina). Sicuramente semplifica il tutto ed evita una gran ravanata, ma non permette di chiudere l'anello.
Giro effettuato da solo il 26 febbraio 2018, in una giornata particolarmente fredda.
Dall'Alpenrose seguire l'itinerario classico per il Soran e i Rossati descritto nella guida "Scialpinismo nelle Dolomiti di Brenta" (di Omar Oprandi), scendendo nella Val Dorè. Prima di arrivare in fondo alla valle, beccare sulla destra una rampa su pendio molto ripido che permette di arrivare direttamente alla cresta soprastante. Traccia estiva segnata sulle mappe. Da qui salire il Doss d'Arnal e il Ghez esattamente come già descritto qua
Dalla croce di vetta spostarsi in direzione della cresta ovest, nei pressi della quale scendere direttamente il ripido pendio(vedi foto con tracciato). Inizialmente largo, poi sempre più stretto e ripido, fino ad entrare dentro un canalino, al cui termine ci si immette nuovamente lungo la traccia classica di discesa. Dopo oltre mille metri di discesa indimenticabile si arriva alla Malga Ben, da dove con un lungo traverso in salita si punta alla Forcella del Bregain. Gran ravanata in caso di innevamento abbondante. Dalla Forcella scendere nel bosco seguendo il sentiero estivo(anche qui orientamento non facile se non si conosce bene la zona) e arrivare alla macchina.


Nota finale: Per effettuare la variante di discesa dal Ghez qui descritta occorre che ci sia un'abbondante innevamento come in questa stagione, probabilmente non è possibile effettuarla tutti gli anni.
Difficilmente si potranno trovare condizione buone lungo tutto il percorso, sarà necessario trovare un compromesso. Ad esempio io nel tratto in lungo traverso che da Malga Ben sale alla Forcella del Bregain - che si percorre in gran parte sci in spalla - sono sprofondato fino alla vita, faticando più che in tutto il resto del giro, e sono soltanto 200 m di dislivello circa ... In primavera con la neve trasformata questo tratto sarebbe sicuramente più agevole, ma il problema si sposterebbe alla salita e alla discesa del Ghez, che dopo aver fatto il Soran e i Rossati rischia seriamente di essere già troppo tardi per effettuarla in sicurezza ...

La cima del Soran
La cima del Soran
La cima Rossati, sullo sfondo il Soran
La cima Rossati, sullo sfondo il Soran
Quasi in cima al Ghez
Quasi in cima al Ghez
Croce di vetta del Ghez
Croce di vetta del Ghez
Parte finale del canalino
Parte finale del canalino
Ci si raccorda con la discesa "classica"
Ci si raccorda con la discesa "classica"
Le pendenze diminuiscono, la sciata fino a Malga Ben è da favola
Le pendenze diminuiscono, la sciata fino a Malga Ben è da favola
Il tracciato in rosse marcato è la variante scesa da me. Foto tratta da  trentinoexperience.net
Il tracciato in rosse marcato è la variante scesa da me. Foto tratta da trentinoexperience.net
A sinistra la mia linea di discesa, mentre a destra la discesa "normale" Foto presa dalla guida "Scialpinismo nelle Dolomiti di Brenta di Omar Oprandi
A sinistra la mia linea di discesa, mentre a destra la discesa "normale" Foto presa dalla guida "Scialpinismo nelle Dolomiti di Brenta di Omar Oprandi